I nostri Oceani

Riflessione: Gli oceani, che ricoprono il nostro Pianeta per il 71% (ovvero 360 700 000 km quadrati), sono habitat unici in grado di ospitare oltre 226.000 specie di animali (a cui vanno aggiunti alghe, batteri e protisti); un mondo finora esplorato soltanto per il 10%, perché studiare il Profondo Blu senza causare danni è davvero molto complesso. Queste immense distese blu sono i nostri “soffi di vita”, non soltanto perché, producendo l’ossigeno che respiriamo, sono i polmoni del nostro pianeta, ma anche perché la vita è cominciata proprio da qui! Come ha dimostrato uno studio recente della Columbia University, una “tempesta perfetta” transitoria di nutrienti e luce avrebbe stimolato l’esplosione della vita nel Pacifico dopo l’era glaciale.

Minaccia: Sono due le isole di plastica formatesi nel Pacifico, la seconda scoperta nel luglio 2017. Si tratta di accumuli di rifiuti in plastica abbandonati in mare che le correnti fanno confluire in un punto. La prima, scoperta del 1977, denominata Pacific Trash Vortex, ha un diametro di circa 2500 chilometri e profondo 30 metri. La seconda è grande quanto 8 volte l’Italia.

La buona notizia: dal Giappone, un'équipe di scienziati ha isolato una specie di batterio, chiamato Ideonella sakaiensis, particolarmente ghiotto di plastica e capace di divorarla attraverso l'azione chimica di soli due enzimi. Sulla falsariga di questo batterio, la larva della Galleria mellonella, o tarma della cera, è in grado di fare scorpacciate di PET: la scoperta appartiene a una ricercatrice italiana in biologia molecolare, Federica Bertocchini, affiliata al Cnr spagnolo e oggi all'Istituto di biomedicina di Cantabria, a Santander.