Una piccola idea, una grande invenzione

Chi ha inventato il cerotto ve lo abbiamo raccontato qui. Ma come è successo esattamente? Una curiosità che vi sveliamo 97 anni dopo un’idea destinata a renderci la vita un pochino più semplice.
In effetti è proprio l’ordinaria quotidianità domestica che può portarci ad avere intuizioni geniali, e l’invenzione del cerotto è un esempio di questo circolo virtuoso della creatività: banalmente, la vita e i piccoli problemi quotidiani da affrontare.

Un secolo fa il principale strumento di medicazione domestica erano garze imbevute di acido fenico, un disinfettante da utilizzare per medicare la ferita e scongiurare effetti indesiderati causati dalla proliferazione di germi e batteri. l’acido fenico, a parte la poca praticità, rendeva secca la cute.

Il cerotto

Il cerotto: un'intuizione che ha cambiato la vita quotidiana

a a cambiare le cose ci ha pensato una di quelle intuizioni che #nonfinisconomai di essere utili: correva l’anno 1921 quando l’impiegato della multinazionale farmaceutica Jhonson & Jhonson Earle Dickson si presentò ai suoi capi con un’idea geniale dopo aver visto la moglie alle prese con i piccoli incidenti della vita domestica.

Quando la signora Dickson si tagliava le mani, utilizzava un pezzo di garza tenendolo al suo posto con un po’ di nastro adesivo, e da qui l’idea: confezionare e vendere garze sterili già fissate al nastro adesivo, in diversi formati. Uno strumento per mantenere le ferite sterili e tenerle chiuse, che suscitò subito l’interesse del vice presidente della compagnia Johnson & Johnson e che portò alla commercializzazione del primo cerotto in pochi mesi.

Oggi i cerotti fanno parte della nostra quotidianità, e servono a tantissime cose, non solo a guarire le nostre ferite. Ad esempio hanno inventato un cerotto che ci ricorda quando dobbiamo bere, riuscendo attraverso l’epidermide a valutare il bisogno che il nostro organismo ha di reidratarsi.
Hanno inventato anche il cerotto anti-ansia ai fiori di Bach, che si applica al torace dalla parte del cuore, per combattere ansia e panico, ancora più efficace delle solite gocce. 

Poi ci sono i cerotti che liberano la pelle dai punti neri, che attenuano le rughe. Poi i cerotti per sportivi, elastici, che hanno il compito di accelerare la guarigione di nervi e muscoli in situazioni post traumatiche come quelle che si verificano quando si fa sport a livelli agonistici.

Meno colorati, ma utilizzati come dispositivi medici, sono i cerotti per smettere di russare. Cerotti per smettere di fumare. Cerotti per smettere di essere di cattivo umore, perché sono cerotti a forma di bacon e uovo, di toast, di cupcake, di unicorni, di tutto quello che volete, visto che oggi i cerotti li fanno con ogni tipo di stampa e fantasia.  E il bello è che non possiamo farne a meno!